Assemblea No Inceneritori/Discariche - Basta Nocività

L'incontro segue:

  • L'assemblea Regionale del 27 Giugno tenutasi al Centro di Ricerca Rifiuti Zero di Capannnori (Lu) e

  • la Mobiltazione a Livorno Raffineria ENI di Sab. 11 Luglio

Il percorso si rafforza Sabato 25 Luglio ore 16.00-20.00 al Presidio No Inc No Aero via dell'Osmannoro Sesto F.

La politica di gestione degli scarti in regione Toscana non accenna a cambiare. I vecchi impianti di incenerimento dei rifiuti solidi urbani ormai ridotti a 4 (erano 9 all'inizio del 2000) continuano a bruciare risorse e a generare inquinamento. Nel contempo le enormi discariche regionali di Peccioli, di Rosignano e di Podere Rota continuano a costituire una barriera allo sviluppo delle buone pratiche di RD che in Toscana (e soprattutto nell'area fiorentina e del sud della Toscana) sono abbondantemente sotto la media nazionale del 58,2% registrata nel 2018. A dispetto di dichiarazioni retoriche crescono le volumetrie autorizzate per i conferimenti in discarica (vedi Peccioli e Rosignano). Non si vedono cambiamenti concreti per passare dall'era dei rifiuti (indifferenziati) all'era delle risorse (differenziate) e della vera Economia Circolare.A queste arretratezze si va aggiungendo la minaccia dei tentativi della falsificazione tipica delle "pubbliche relazioni", che fa passare come "ecosostenibili" modalità di trattamento dei rifiuti non testate industrialmente e fuori dalla logica della economia circolare centrata sul recupero dei materiali, miranti a fornire un ennesimo assist all'industria sporca. È proprio questo il caso della millantata "bioraffineria" ENI di Stagno (Livorno) che Rossi e la Regione Toscana sponsorizzano quale impianto per produrre "carburanti" dai rifiuti, esportati dalla provincia di Firenze, una volta sottoposti ad un inedito processo di gassificazione/catalizzazione e cioè di "riciclo chimico" dissipativo di risorse naturali quali acqua e ben lungi dall'essere stato codificato in un concreto progetto. Ancora una volta si assiste al triste spettacolo di una connessione tra i rischi ambientali, gli sprechi e l'avidità di gruppi di industria sporca e incentivata.Ci sembra importante mettere in crisi la politica regionale su rifiuti e ambiente e pensiamo possa essere utile farlo proprio puntando il dito contro il progetto di impianto che ENI e le istituzioni locali considerano "il meglio della nuova economia circolare". Sentiamo il bisogno di rafforzare i legami che tra comitati e associazioni abbiamo costruito in questi anni di vertenze e lotte diffuse sui territori. Pensiamo che dal basso, indipendenti come sempre siamo stati dai giochi della politica, possiamo "sfruttare" i mesi della campagna elettorale regionale per dare voce a tutte le nostre lotte attraverso una campagna e una prima manifestazione con presidio a Stagno. È gradita conferma all'incontro ai fini di una migliore organizzazione.